LA DIVINAZIONE

LA DIVINAZIONE

La paura dell’ignoto è sempre stata,ed è una delle maggiori angosce dell’uomo.
La morte stessa fa paura perché si affaccia su una dimensione ignota.
E dunque fin dalla notte dei tempi l’umanità ha cercato di capire che cosa riserva il futuro.
Da quando l’uomo è apparso sul nostro pianeta,la sua evoluzione si è svolta di pari passo al quantitativo di nozioni di cui egli stesso è riuscito ad impossessarsi.
Una parte di queste”informazioni” gli si è presentata “davanti agli occhi” in modo diretto,attraverso l’esperienza quotidiana giustificata dalla pura necessità,altre invece gli sono risultate accessibili solo dopo una fase di ricerca,la cui durata è potuta variare da pochi attimi a decine e decine di anni.
Oltre a questa conoscenza che potremmo definire quasi materiale,ce n’è sempre stata anche un’altra.
Si è trattato,e si tratta tutt’ora,di quella conoscenza che abbraccia i molti aspetti “metafisici” dell’Universo,dell’esistenza dei quali l‘uomo ha avuto sempre la certezza,benché su di essi non sia mai riuscito a esercitare un vero e proprio controllo,non per lo meno con gli strumenti canonici di ricerca scientifica,e soprattutto non con uno stato d’animo che spesso si è mostrato assai poco disponibile.
In realtà non sempre tali conoscenze hanno dovuto essere perseguite con atto di volontà.
Alcuni personaggi infatti,senza che fosse necessario compiere alcuno sforzo,hanno avuto il privilegio,se così lo si può definire,di vivere spontaneamente esperienze metafisiche che hanno consentito loro di penetrare livelli di conoscenza spirituale superiore.
Nell’ambito di queste esperienze si collocano i fenomeni di preveggenza che consentono ad un soggetto di “vedere” il futuro:ma attenzione,non futuro fisso e ineluttabile(che sarebbe del tutto inutile conoscere dal momento che non potrebbe essere cambiato),ma il futuro che sulla base dei presupposti del passato,ha la maggior possibilità di realizzarsi.
Tale futuro può se necessario, essere cambiato prendendo decisioni e compiendo gli atti adeguati.
La storia,prima ancora che la leggenda,racconta di casi di sensitivi con incredibili capacità di predizione.
Non si deve pensare inoltre che lo strumento utilizzato di volta in volta dovesse essere necessariamente un mazzo di carte,un pendolo o le monete del Libro dei Mutamenti.
In realtà la capacità di questi sensitivi nasceva spontaneamente senza bisogno di elementi esterni che contribuissero al raggiungimento del risultato.
In un certo senso la scelta di uno strumento piuttosto che di un altro poteva essere considerato assolutamente accidentale e personale.
In determinate condizioni,seguendo particolari pratiche o utilizzando determinati strumenti,i fatti hanno dimostrato che è possibile riuscire ad andare a scrutare nel futuro o vivere esperienze che in qualche modo esulano dalla realtà quotidiana in cui ci troviamo.
Fino a non molto tempo fa coloro che si trovavano a vivere di prima persona queste esperienze venivano tacciati di pazzia o considerati diversi,e spesso proprio per questa ragione,allontanati dal resto della comunità.
Fortunatamente,questo tipo di atteggiamento assolutamente intollerante e chiuso,ultimamente ha lasciato il posto al desiderio di conoscenza e perché no, anche alla curiosità.
Purtroppo c’è anche il rovescio della medaglia,si è assistito anche al proliferare di maghi,zingare,sensitivi di dubbie capacità che hanno dato prova di voler sfruttare tali conoscenze nel senso più egoistico del termine.
Spesso l’ignoranza,la superstizione,o magari anche la malafede hanno fatto sì che il messaggio arrivasse distorto o addirittura non arrivasse affatto…
I Tarocchi,I –Ching ,la lettura della mano,i dadi,i fondi di caffè,il pendolo,non sono che alcuni esempi,anche i più diffusi e meglio conosciuti,gli strumenti utilizzati nel corso dei millenni dall’uomo per riuscire nel suo intento di rendere noto l’ignoto.
Seppur differenti tra loro,un elemento li accomuna:tutti si presentano come mezzi in grado di rivelare ciò che si nasconde oltre la porta del tempo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *